Seguici su

In Evidenza

21 Luglio 2021

Ciao, Veronica

Instancabile e sempre col sorriso, se ne è andata oggi la collega Veronica De Vecchis. Funzionario storico dell’arte della Soprintendenza aquilana, Veronica aveva completato il suo lungo percorso professionale al Segretariato Regionale per l’Abruzzo ed era in pensione da qualche anno. Fino al suo ultimo giorno di servizio, ha alacremente lavorato per la tutela del patrimonio artistico della sua amata regione.

Prima in Umbria, poi nei tragici giorni dopo il terremoto del 2009, fino a quelli successivi al Sisma del Centro Italia, è stata in prima linea – tra macerie e scosse d’assestamento – per il recupero e la messa in sicurezza delle opere d’arte salvate dai crolli di chiese e palazzi, verificate e catalogate con cura. Perché da sempre per lei la catalogazione era la prima azione di tutela del patrimonio culturale, perseguita attraverso numerosi progetti di digitalizzazione per la gestione informatica della documentazione e della movimentazione delle opere.

Era persona di sconfinata generosità, condivideva le sue conoscenze e il suo lavoro, che metteva sempre a disposizione di tutti e in particolare dei giovani. Sapeva fare squadra, con innato senso pratico e l’umiltà di chi, se necessario, non temeva la fatica di sollevare le campane di un campanile crollato.

Veronica era questo e molto più di un funzionario pubblico rigoroso e preparato. Era, per chi l’ha conosciuta, un’amica.


Le esequie si terranno domani, giovedì 22 luglio alle ore 15.30, presso la Chiesa di San Francesco a Pettino, L’Aquila.
I colleghi del Segretariato Regionale, della Soprintendenza dell’Aquila e di tutti gli Istituti del Ministero della Cultura in Abruzzo, unitamente ai Dirigenti, si stringono con affetto alla famiglia della cara Veronica De Vecchis.

Ciao, Veronica

21 July 2021

Ciao, Veronica

Altri Articoli

In Evidenza 19 Ottobre 2021

Conferenza stampa > aperture straordinarie delle visite al Mammut Aquilano

venerdì 22 ottobre 2021, ore 10:30L’Aquila – Museo Nazionale d’Abruzzo (via Tancredi da Pentima)

torna all'inizio del contenuto