Seguici su

In Evidenza

27 Febbraio 2023

DUOMO DI SAN MASSIMO E SAN GIORGIO, L’AQUILA: OGGI LA CONSEGNA DEI LAVORI DI CONSOLIDAMENTO E RESTAURO

La ditta esecutrice dell’intervento è la COBAR SpA di Altamura

Senza dubbio è uno degli interventi di consolidamento e restauro post-sisma più attesi ed impegnativi: da quasi 14 anni, la Cattedrale dell’Aquila, intitolata al Patrono San Massimo e a San Giorgio, attende di poter riacquistare la sua centralità nella vita spirituale e quotidiana della città. Oggi, con la consegna dei lavori dal Segretariato Regionale MiC per l’Abruzzo (stazione appaltante) alla COBAR SpA (ditta esecutrice) si rende visibile il lungo e articolato iter tecnico-amministrativo che ha condotto a questo atteso risultato, un percorso condiviso con la Soprintendenza ABAP per le province di L’Aquila e Teramo e con la proprietà, l’Arcidiocesi dell’Aquila.

Lo scorso anno, il 2022, è stato l’anno di svolta. A fine maggio, infatti, è stato pubblicato il bando di gara per l’appalto dei lavori, aggiudicati provvisoriamente ai primi di ottobre alla ditta pugliese COBAR SpA. di Altamura. Dopo le necessarie verifiche amministrative e la stipula del contratto, il cantiere si avvia quindi nei tempi previsti, in questa importante giornata che vede la sentita presenza delle Istituzioni.


L’intervento è suddiviso in due stralci funzionali, paralleli alle fonti di finanziamento, e bisognerà attendere 5 anni per rientrare nella Cattedrale e riscoprirne il valore (la durata dei lavori è calcolata a 1800 giorni complessivi). Una ennesima rinascita, quindi, per la Cattedrale, che da sempre ha avuto una storia di crolli e affannate ricostruzioni, tanto che il suo completamento – così come la conosciamo noi – era avvenuto solo alla fine degli anni ’20 del secolo scorso.


Il migliore auspicio per questo complesso restauro, che sta finalmente partendo, è stata la visita di Papa Francesco. Il 28 agosto dell’anno passato, in occasione della Perdonanza Celestiniana e prima dell’apertura della Porta Santa di Collemaggio, il Pontefice ha voluto visitare San Massimo. Dopo le esortazioni a quanti lo hanno accompagnato all’interno del Duomo, il Papa ha ricordato alla folla in attesa in piazza Duomo come le Chiese siano «patrimonio della comunità, non solo in senso storico e culturale, anche in senso identitario. Quelle pietre sono impregnate della fede e dei valori del popolo; e i templi sono anche luoghi propulsivi della sua vita, della sua speranza».

Proprietà Arcidiocesi dell’Aquila
Fonti di finanziamento €18.116.538,37 CIPE n.63/2016 Fondo sviluppo e coesione 2014-2020: Piano stralcio «Cultura e Sviluppo» – €18.500.000,00 Piano Sviluppo e Coesione (PSC)” del Ministero della Cultura
Stazione Appaltante
Segretariato Regionale MiC per l’Abruzzo
Responsabile Unico del Procedimento arch. Valerio Tesi
Direttore dei Lavori
arch. Augusto Ciciotti
Ditta esecutrice
COBAR SpA
Durata dei lavori 1800 giorni complessivi

 

DUOMO DI SAN MASSIMO E SAN GIORGIO, L’AQUILA: OGGI LA CONSEGNA DEI LAVORI DI CONSOLIDAMENTO E RESTAURO

Altri Articoli

In Evidenza 14 Maggio 2024

01 | DENTRO IL RESTAURO

Da cappella familiare a gloria cittadina.

In Evidenza 9 Maggio 2024

L’Aquila – DENTRO IL RESTAURO

Tre monumenti, tre luoghi centrali nel quotidiano dell’Aquila, tre diversi percorsi di restauro che – oltre la

In Evidenza 8 Marzo 2024

Dopo il restauro, riapre l’antica Chiesa di San Benedetto Abate a San Benedetto in Perillis

Completati gli ultimi adempimenti amministrativi, l’intervento di consolidamento e restauro di San Benedetto Abate a San Benedetto in Perillis (L’Aquila) è concluso e la Chiesa potrà essere riconsegnata a breve alla parrocchia e alla collettività tutta.

torna all'inizio del contenuto